Cos’è l’ Otoplastica?

L’ Otoplastica è un intervento chirurgico finalizzato alla correzione delle orecchie a ventola, o come si dice in maniera più comune, a sventola. Tale procedura può essere rivolta ad entrambi i paglioni, in questo caso è detta bilaterale, ma anche ad un’orecchia sola.

L’Otoplastica si prefigge di migliorare il profilo delle orecchie che, se troppo sproporzionato, può causare forti disagi. Per questo viene comunemente eseguito anche su bimbi in età scolare, per prevenire delle turbe psichiche derivanti dal malessere causato da prese in giro o da atti di derisione da parte di altri bambini.

Che procedure utilizza l’Otoplastica?

L’Otoplastica è un’operazione semplice e priva di controindicazioni, l’unica forma di chirurgia estetica praticata sui bambini. Eseguito in anestesia locale o generale, l’intervento ha la durata di un’ora circa e consiste nel “ripiegare all’indietro” il padiglione auricolare mediante un’incisione sulla piega posteriore dell’orecchio.

Le incisioni vengono realizzate lungo il solco che si trova dietro l’orecchio senza lasciare spiacevoli cicatrici visibili. Si procede da questa incisione modificando la cartilagine e se necessario asportando una piccola parte di cute di forma ellittica. Se necessario, si provvede a ripiegare la cartilagine in alcuni punti per ricostruire la plica cartilaginea del padiglione (antelice).

Dove chiedere l’intervento?

Anche per i più piccoli, il nostro poliambulatorio – centro laser offre interventi di otoplastica nella più totale sicurezza e nell’ambiente più adatto.

Quando operarsi?

In presenza di forti e spiccati inestetismi delle orecchie, si può procedere all’Otoplastica. Si considerano degne di intervento chirurgico orecchie sporgenti, a sventola, prominenti, sia in caso di sporgenza bilaterale che asimmetrica, lobi dismorfici o fessurati, malformazioni o dismorfie ad una o entrambe le orecchie. Come già anticipato l’intervento è consigliabile sin dalla più tenera età, 5/6 anni, poiché le orecchie non subiscono grosse modifiche con il passare del tempo. Con un semplice intervento di Otoplastica, si eviterà a se stessi o al proprio bimbo, di venir deriso e crearsi complessi inutili, ma persistenti.

Quali risultati?

L’Otoplastica (o Auricoplastica) corregge, in modo permanente, soddisfacente e senza cicatrici visibili, gli inestetismi delle orecchie, in particolare di quelle prominenti dette a sventola. Si tratta di difetti congeniti che sarebbero per sempre al centro dell’attenzione di se stessi e degli altri. L’intervento non ha nessuna ripercussione sull’udito, anche perché non ha nulla a che vedere con la funzionalità dell’organo. L’intervento è ormai realizzato in forma mini-invasiva, viene quindi consigliato anche ai bambini. Il risultato è permanente. L’Otoplastica o Auricoplastica non lascia cicatrici visibili, in quanto nascoste nel solco retroauricolare. L’intervento non comporta né edemi, né ecchimosi e può essere richiesto anche per fessurazioni o strappo del lobo dovuti agli orecchini.

Quali tempi dell’intervento e quelli di guarigione?

L’intervento è semplice e può durare dai 20/30 minuti alle 2 ore, qualora riguardi entrambi i padiglioni.

Solitamente si pratica un’anestesia locale con sedazione, si effettua in regime di day hospital. La clinica può venir lasciata dopo 4 ore dall’intervento.

Dopo l’Otoplastica, si applica un cerotto chirurgico e un bendaggio elastico che serve per i primi giorni come protezione da urti accidentali o da sfregamenti. Nel giro di 3/10 giorni si può già riprendere l’attività lavorativa  o scolastistica. La cicatrice è praticamente invisibile ed il risultato estetico immediato. Si consiglia l’utilizzo di una fascia elastica durante il sonno per 4/6 settimane per non compromettere i risultati dell’operazione, che ricordiamo, sono permanenti.